Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2008

......IO......

Immagine

VIVI LA VITA.

La vita è un'opportunità, coglila.
La vita è bellezza, ammirala.
La vita è beatitudine, assaporala.
La vita è un sogno, fanne una realtà.
La vita è una sfida, affrontala.
La vita è un dovere, compilo.
La vita è un gioco, giocalo.
La vita è preziosa, abbine cura.
La vita è una ricchezza, conservala.
La vita è amore, godine.
La vita è un mistero, scoprilo.
La vita è promessa, adempila.
La vita è tristezza, superala.
La vita è un inno, cantalo.
La vita è una lotta, accettala.
La vita è un'avventura, rischiala.
La vita è felicità, meritala.
La vita è la vita, difendila.

Madre Teresa di Calcutta

LA DANZA...

Immagine
La danza è una poesia muta; la poesia è una danza parlata.
La danza, come l’amore, cresce, cambia, si trasforma, matura, si evolve, fa tesoro dell’esperienza per guardare al futuro con occhio più consapevole.

IL MIO MITO: MICHEAL PORTER.

Secondo M.Porter, economista famoso per le sue “Cinque Forze” e guru della strategia competitiva, per diventare un manager affermato devi seguire queste regole:

1. DIFFERENZIAZIONE (DIFFERENZIARSI AGLI OCCHI DEL CLIENTE);
2. CAPIRE QUALI SONO GLI OBIETTIVI AZIENDALI;
3. AVERE UNA PERFORMANCE ECONOMICA (UN RITORNO SUI CAPITALI);
4. SPIEGARE LA PROPRIA STRATEGIA AGLI AZIONISTI;
5. AVERE UN MODELLO ECONOMICO CHIARO.

Sicuramente , se non si dà a questo discorso un’interpretazione economica, si può denotare l’utilità che queste regole posso avere nella vita di tutti i giorni…parlasi di “ strategia esistenziale”.

Ognuno di noi deve differenziarsi dagli altri; deve capire quali sono gli obiettivi da raggiungere e averne un riscontro futuro; deve riuscire a far comprendere agli altri ciò che si desidera fare nella vita avendo chiaro il modello da seguire.

In questo mondo dove tutti cercano di omologarsi agli altri per non sentirsi diversi, è proprio la “differenziazione”…

FASE DI TRANSIZIONE.

Ormai è da giorni che ci penso e non trovo una spiegazione a quello che mi sta accadendo. E' possibile non provare sentimenti di nessuno tipo e di nessun genere?

Non so da cosa sia causato il mio blocco emotivo, sostanzialmente la mia vita va bene e, stranamente, mi sento felice e completa con me stessa e tutto ciò mi stranizza in quanto nessuno è veramente in grado di completarsi da solo, abbiamo tutti bisogno di un partner che ci arricchisca interiormente.

Più mi guardo attorno e più non trovo stimoli...interessi!

Non posso essere cambiata in così poco tempo ed essermi trasformata in un automa...io sono la stessa persona che ha desiderato vivere una favola e che credeva nell'amore, dunque, che mi sta succedendo?

Dove sono finite le lacrime, i sorrisi, il batticuore, le paranoie che facevano parte di me e del mio vivere le persone che mi davano emozioni?

In quale limbo sono rimasta intrappolata?