lunedì 28 dicembre 2009

venerdì 25 dicembre 2009

Questione di cuore



..." Certe volte penso che il cervello sia invidioso del cuore,
e lo strapazza, lo prende in giro, gli nega quello che lui desidera,
lo tratta come se fosse un piede o il fegato.

E in questo confronto, in questa battaglia, chi perde è il proprietario di entrambi "...

giovedì 10 dicembre 2009

domenica 25 ottobre 2009

lunedì 19 ottobre 2009

Perle di saggezza





Per me cambiamento voleva dire dolore, quindi ho sempre fatto molta fatica a cambiare. Aspettavo sempre più che potevo. Così, nella vita ho sviluppato più che altro la capacità di sopportare.

(Fabio Volo)

mercoledì 30 settembre 2009

UNA SVOLTA.

E' strano quanto basti poco per demolire il castello di sabbia che una persona si è costruito nel tempo. Si vive di illusioni e si continua a sperare nelle favole anche se la realtà di oggi è davvero diversa. Ho compreso di aver vissuto per mesi in una ampolla di vetro vedendo solo ciò che volevo vedere rifiutando, invece, quello che la mia mente continuava a ripetermi...Ma arriva sempre un punto di svolta dove tutto ciò che ci sembrava difficile improvvisamente diventa chiarissimo.
Finalmente, dopo tanti sforzi, ce l'ho fatta e ho voltato pagina...ho chiuso col mio passato.


venerdì 11 settembre 2009

Trovarsi?

MA N0N E' POSSIBILE CHE SONO TORNATA NELLA STESSA SITUAZIONE DI SEMPRE!!!

Conoscersi...confondersi...perdersi...






...trovarsi??...

Ho bisogno ancora di molto lavoro e tempo...

domenica 30 agosto 2009

I'm back

Ciao a tutti...spero abbiate passato delle buone vacanze.Io sono in ottima forma...ho resettato la mente e ripreso quei due chiletti persi a causa del forte stress. Sono stata 12 giorni in Sicilia e il resto delle ferie le ho passate in Toscana, prima a Livorno e dopo a Massa. Mi mancano già le persone che ho conosciuto...quante risate e quanti ricordi! Va beh, ora si ricomincia con la solita routine però essere carica mi fa gustare la vita in un modo diverso. Un abbraccio a tutti :)



giovedì 30 luglio 2009

BUONE VACANZE


E' arrivata l'ora di una pausa...scusatemi se mi sono assentata ma è stato un periodo stressante questo. Prometto di essere più presente e di commentarvi il più possibile. Un bacione a tutti



venerdì 17 luglio 2009

I SOGNI SON DESIDERI DI FELICITA'...

Sto facendo il punto della situazione cercando di notare tutte le sfumature della mia vita. Da protagonista divento narratrice. La voce fuori campo racconta le emozioni della protagonista chiedendosi come andrà a finire e quale sarà il suo destino. Già...esiste ancora il: "e vissero felici e contenti"? In realtà da bambini la prima parola che dovremmo dire non è: "mamma o papà" ma "felicità" perché da piccoli si cresce con le favole e tu pensi che facciano parte della realtà. E' strano come questa semplice parola ci condizioni una vita intera. Come riusciamo a riconoscerla? Tutti la desiderano ma pochi riescono a viverla veramente. Mamma mia, potrei scrivere pagine intere su questo tema. Personalmente io non saprei dare consigli su dove trovarla, anzi, ormai sono anni che sono bloccata nello stesso punto perchè non riesco a muovere un passo! Ho imparato, quindi, ad osservare dalla mia angolazione tutto ciò che mi circonda e devo dire che ho compreso che c'è poca voglia di assaporare le novità. Ad esempio per me la felicità sarebbe una novità, quindi ho paura! Ormai sono come un soldato...sono talmente abituata a soffrire, che il dolore non è più così intenso come un tempo. Adesso che ho poche energie e le mie forze tendono a scemare, l'unica cosa di cui sento veramente il bisogno è quello di stare sempre qui nel mio angolino a un metro di distanza dal mondo esterno. C'è troppo rumore nella mia testa e ho bisogno di quiete, relax! Voglio stare qui e darmi lunghi abbracci...voglio parlare con me stessa, piangere e ridere...VOGLIO AMARMI!

giovedì 16 luglio 2009

CTRL - ALT - CANC


Resettare la mente!!!


domenica 12 luglio 2009

martedì 7 luglio 2009

Una nuova rinascita.

Ed è proprio quando si tocca il fondo che non ci resta che risalire!!! Molte volte ci si convince di averlo toccato e invece ci capitano situazioni che ci fanno scavare punti sempre più bassi facendoci comprendere che ci è capitato qualcosa di peggiore. Ma è vero, per quanto questa constatazione possa farci male c'è sempre una nota positiva evidenziata dalla nostra capacità di ripresa.

Non è forte colui che non cade ma chi cade e si rialza!

ORA STO DECISAMENTE MEGLIO PERCHE' STO RISALENDO...

Come una dea mi calo nelle acque del tuo lago, accompagnata da una nebbia che mi avvolge e mi culla...
E'notte fonda e tutti viaggiano sulle note dei propri sogni nati d speranze inconsce... e io aspetto te, mio grande amore, nascosta dietro la cascata illuminata a stento da una lucciola che m fa compagnia creando strani disegni nell'aria e incantata da quella danza... resterò qui, non importa quanto aspetterò ma resterò perchè ho voglia ancora di emozionarmi.... Non so perchè lo faccio ma non ho voglia di pormi domande e di fare riflessioni, voglio solo godermi questo meraviglioso spettacolo coccolata da questa magica luna...

domenica 5 luglio 2009

...RICORDI....

Io non lo so se esiste davvero un momento in cui si riesce a mettere un punto ed andare a capo.
...C'è sempre un filo conduttore che attinge dal nostro ieri. Anche nella frase tagliamo i ponti c'è un fondo di eterna incoerenza...io taglio un fusto ma la radice rimane in me per sempre.

Eppure è un pensiero che ci fa respirare quando siamo in apnea e rigirandoci nel nostro essere ci ritroviamo ad ogni giro più circoncisi, abbiamo bisogno di pensare che ci sia un modo netto e drastico per cambiare subito una situazione.

Io non riesco a metterlo il punto e andare a capo e forse per questo mi piace pensare che non possa esistere davvero un momento così.…

Mi trascino dietro, con tutta la forza che mi rimane, il mio bagaglio di esperienze in questo cammino di crescita che sto imparando a conoscere. Provo a portarmi sempre più lo stretto necessario e tante volte è cosi dura per me che mi lego a tutto quello che vivo.

Gli inizi e la fine delle cose mi sembrano sempre più segmenti tracciati sul mio percorso. Si ripetono piccoli cicli: occhi appannati, cuore gonfio...tiro un altro sospiro e mi dico: "Su su, non c'è tempo per stagnare qui.…Bisogna andare avanti".

S'incontrano tanti occhi che vorresti tenere nella memoria per sempre e si promettono tante menzogne che la natura umana non è in grado di mantenere. Non per cattiveria ma per pura natura...forse il per sempre non esiste ma l'importante rimane, comunque, l'impronta che lasci collezionando numerosi ricordi.

venerdì 3 luglio 2009

PAURA DI AMARE…

Stavo riflettendo sul fatto che le cose non programmate ti regalano sempre grandi emozioni. Non c'è scritto da nessuna parte che dobbiamo mantenere certi parametri, certe posture, certi princìpi, se alla fine un lato di noi non si sente libero, libero dentro… libero nel cuore… spontaneo nelle sensazioni e nei gesti. Io cerco sempre di sentirmi libera, infatti vivo d’istinto, pensiero e passione. Amo il mio modo di essere anche se tendo ad incasinarmi la vita. Molte volte mi sono definita carnefice delle mie azioni perché sono io a procurarmi le emozioni e a sentirmi influenzata da esse. Sono volubile, folle, allegra, triste…sono un eterno controsenso! Ovviamente non posso piacere a tutti, soprattutto alla gente che pretende di capirmi o chi ha la convinzione di conoscermi. Questi sono stati i motivi di molte divergenze nelle mie storie passate. Il fatto è che mi ritrovo sempre a rivivere gli stessi dejà-vu e tutto ciò è abbastanza deludente. Sono stanca della gente che non sa rischiare per paura di sbagliare. Gli errori servono, ci aiutano a crescere e sono proprio le cicatrici a farci sentire vivi. Sì, perché abbiamo lottato per qualcosa in cui credevamo. Secondo me il dolore e la paura non sono sentimenti del tutto negativi se vengono vissuti come un modo per migliorarci. C’è tanta desolazione in giro, ma perché abbiamo perso la voglia di combattere? Perché non si crede più nei valori? Perché si scappa dai rapporti? Queste domande continuano a ripetersi con voce sempre più insistente di fronte alle immagini della società di oggi. Ritorneremo ad amare? In questo mondo di incertezze collezionare attimi di felicità non è poi così male perché si sa che purtroppo la felicità è effimera ed è un premio che va conquistato ogni giorno. Io vivo il momento e cerco di non pensare al dopo. Sono stanca dei progetti…l’amore deve essere un’onda che ci trascina nel vortice dell’imprevedibilità.
Io so rischiare…io so amare!

Seduta sopra il mio letto
ascolto il silenzio del vuoto che mi circonda.
Il sussurro di un'assonanza in un nome
mi fa tornare al mio sogno.
Lenisco le parole con acqua di dolore.
Apro gli occhi pensando
che non è acqua il tempo e non c’è peccato in questo…




mercoledì 24 giugno 2009

IN AMORE VINCE CHI FUGGE?‏

Questo detto è stato il mio motto fin dall’adolescenza, peccato che non sia mai stata capace di metterlo in pratica con le persone che m’interessavano. Mi sono dimostrata troppo "presa" e, anche se in amore non esistono regole, è vero che essere troppo accomodanti frena un po' il gusto della conquista nella controparte…Forse bisogna calarsi nei panni dell'altro e comportarci di conseguenza.
E’ inutile, le cose faticosamente conquistate sono più gelosamente custodite!
Noi donne conosciamo la MAGICA ARTE DELLA SEDUZIONE…cacciare ed essere cacciate!
L'arte della seduzione è un continuo, struggente, ma al tempo stesso saggio ed equilibrato dosaggio di: ci sto-non ci sto, mi piaci-non mi piaci .
Forse è sbagliato eccedere… cioè, se la preda fugge troppo, alla fine una persona si stanca e dice: "sì sì corri, corri…tanto chi ti insegue ?!"


giovedì 18 giugno 2009

CARPE DIEM.

Molti dicono che il matrimonio sia la tomba del desiderio…allora mi chiedo se sia giusto ricevere meno giuramenti d’amore e più carezze, baci, passione improntando il rapporto sui tira e molla. Equilibrare la frustrazione per le assenze del partner e la soddisfazione per le sue attenzioni…E’ questo quello che fa bene alla coppia? L’insicurezza? Si dice che il non arrivare a possedere chi si desidera cementa il desiderio e lo rinnova. Secondo questa logica dovremmo abbandonare l’idea di trovare il principe azzurro e accettare di trovare un partner che va e viene non ascoltando più il detto: “meglio soli che mal accompagnati” ma il “carpe diem”. In questi casi non ci si definisce più soli ma diversamente accompagnati…sarà questa la fine dei single?

sabato 13 giugno 2009

SOFFOCO D'AMORE!

E’ proprio prima di far assopire la mente che m’imbatto in mille pensieri. Scavando dentro il mio inconscio, ho compreso il perché continuo a circondarmi di figuranti che riempiono la mia realtà lasciandomi sola nel mondo dei miei desideri. Purtroppo molte persone preferiscono vivere in un mondo superficiale caratterizzato da emozioni statiche e più le frequenti e più ti accorgi di quanto esse siano lontane da te e prevenute nei confronti dell'amore. Ma, seppur sia assolutamente convinta di vivere bene da sola, ho un disperato bisogno del calore degli altri. Io vivo di questo...l'amore della gente è la mia linfa che riscalda i miei sensi, il mio cuore e la mia mente. A volte, però, mi sento schiacciare dalla loro indifferenza. Inizia a mancarmi l’aria e mi sento soffocare. SOFFOCO…soffoco d'amore!

Come una candela né accende un’altra e così si trovano accese migliaia di candele, così un cuore né accende un altro e così si accendono migliaia di cuori. (L. Tolstoj)

venerdì 5 giugno 2009

SI BALLA...



Cavolo ragazzi che emozione...sono ancora adrenalinica!Ieri sera, dopo quasi 10 anni che non ballavo davanti al pubblico, sono tornata ad esibirmi in teatro ed è stato spettacolare. Quando sono entrata in scena avevo il cuore in gola, poi, appena è iniziata la musica, mi sono rilassata non pensando a nulla perchè in quell'istante bastava solo il mio corpo a dar vita alle parole...mi sentivo libera. Prometto di postare qualcosa appena mi daranno i video e le foto. Sono contenta! Sono tremendamente contenta, sia per come ho ballato, sia per l'esperienza in sè. Altra news: molto probabilmente faremo qualche spettacolo a settembre. Vi terrò aggiornati se ci sono degli sviluppi!
Il primo balletto era un gospel ed eravamo vestite tutte di bianco:


Il secondo balletto era molto divertente...molto musical...molto "Mamma Mia"!


video

venerdì 22 maggio 2009

lunedì 4 maggio 2009

La vita e' tutto un equilibrio sopra la follia.

Continuo il mio cammino ricercando stimoli e novità...sono annoiata dalla gente che mi circonda. C'è troppo egoismo in giro e quando trovi qualcuno disposto a darti qualcosa c'è sempre un prezzo da pagare. Quante occasioni sto sprecando perchè non voglio accontentarmi. Sono attorniata da persone che trovano in me tutte le caratteristiche per essere la loro partner ideale e ciò mi lusinga, credetemi, però è triste non ricambiare il loro interesse. E' mai possibile che si accorgano tutti adesso di quello che valgo? Forse la mia vena di follia all'inizio spaventa e dopo travolge...forse. Il fatto è che sono stanca d'interpretare il comportamento degli altri...ho bisogno di non pensare...Ci riuscirò?

mercoledì 22 aprile 2009

Un posto nel mondo



"E' ricercando l'impossibile che l'uomo ha sempre realizzato il possibile. Coloro che si sono saggiamente limitati a ciò che appariva loro come possibile non hanno mai avanzato di un solo passo" (Bakunin).

Il silenzio è una delle abitudini della mia nuova vita. Perchè è stato il silenzio, la mia relazione intima con la natura e la sua contemplazione, a regalarmi l'incontro con una parte di me. E' stato il suono, la sua voce, la sua delicata melodia a portarmi nel regno dei significati. Fino a insegnarmi che potevo galleggiare sui silenzi profondi e lasciarmi trasportare liberamente, senza fatica, da una forza misteriosa che cominciavo a riconoscere in ogni cosa. Nelle ore della mattina o nella notte, quando tutti i suoni si placavano, il silenzio diventava ogni giorno un'affascinante proposta, diventava infinite possibilità di essere. Il silenzio diventò premio. Non era più assenza, ma abbondanza.
I giorni scorrevano, come i tramonti che sembrano simili ma ogni volta danno un'emozione diversa. Stavo bene. Bene nel profondo. Prima ero una persona spaventata. Avevo paura perchè non vedevo.
Ho imparato che il contrario dell'amore non è l'odio. L'odio è assenza d'amore, così come il buio è assenza di luce. L'opposto dell'amore è la paura. Dal momento che avevo riconosciuto le mie angosce, esse avevano iniziato a perdere potere su di me.

mercoledì 15 aprile 2009

La mia vita è un controsenso.

Vorrei capire perchè la mia vita è un controsenso. Si desidera sempre quello che non si può avere e quando lo ottieni non riesci ad essere felice perchè vuoi di più...sempre di più. Invidio la gente che non si fa problemi di questo tipo e accetta di avere una vita mediocre(non parlo di tutti, è ovvio)solo per vivere di certezze. E' giusto ambire al meglio e desiderare di essere felici al 100%? Io in quel 100% ci credo e vorrei raggiungerlo! Dico questo perchè la vita mi pone di fronte a delle scelte e molte volte non so cosa fare. Chiaccherando con Maria,la mia migliore amica,ho compreso che negli anni molti problemi me li sono creati da sola. Secondo lei le mie insicurezze sono dettate forse dal mio privato, dal fatto che non ho un padre, non ho un esempio di famiglia e di stabilità affettiva...Ecco perchè tendo sempre a cercare affetto da tutti non facendo una giusta selezione. Questo, inevitabilmente, mi porta a soffrire perchè non tutti si meritano quello che siamo in grado di dare. C'è chi se ne approfitta ed è lì che scatta la delusione. Sbaglio a guardarmi intorno e, soprattutto, evito di costruire rapporti VERI. In realtà è che è semplice avvicinarsi all'amore, ma non è altrettanto semplice amare. Un bravo psicologo mi direbbe che una volta focalizzato il problema dovrei solo imparare a risolverlo lavorando su me stessa. Ovviamente è quello che sto facendo, anche se è impossibile mutare repentinamente...ci vuole tempo. Intanto ho fatto un altro passo avanti imparando a conoscere a fondo le mie debolezze e sono sicura che solo affrontandole di petto arriverò a trovare l'equilibrio interiore che mi serve per amare ed essere felice.

sabato 11 aprile 2009

FASE EVOLUTIVA.

Sono passati mesi da quando ho iniziato il mio viaggio introspettivo alla scoperta di me stessa. Sfogliando le pagine della mia vita avverto che manca qualcosa. Questo senso di incompletezza è destato dalla necessità di trovare l'altra parte di me, quella che ancora devo conoscere, quella che mi farà sentire una cosa sola. Devo imparare a comprendere quali sono i miei desideri e vivere liberamente le mie storie d'amore. Il fatto è che molte volte mi capita di sentirmi prigioniera delle mie emozioni. Non so come muovermi e non riesco a respirare. Vedo tutto con una sorta di distacco mentale che non mi fa godere appieno la mia vita. Analizzo e giudico minuziosamente ogni passaggio della mia esistenza non assaporando il gusto delle cose.
Ognuno di noi è alla ricerca di qualcosa...è alla ricerca della felicità. Non siamo in grado di rimanere soli per lungo tempo e ci leghiamo a qualcuno perchè avvertiamo il bisogno di dare e ricevere attenzioni. Ci adattiamo a certe situazioni in quanto si crea una dipendenza affettiva. Essa rappresenta la costante nella nostra vita, mentre l'unica variante sono solo le persone. Uno sostituisce l'altro fino a quando non si trova qualcuno che fa la differenza...l'insostituibile! Il punto è che si tende a caricare di responsabilità l'altro per la bramosa voglia di essere felici e si rischia, inevitabilmente, di essere delusi...e di aver perso tempo. Dobbiamo, quindi, saper accogliere positivamente ciò che gli altri sono disposti a darci. Non accontentarci, certo, ma imparare ad amare quello che le persone ci offrono. La totalità non è data dall'unione di due persone, quello avviene in un secondo momento, il primo passo lo dobbiamo compiere noi completandoci da soli.
Questo è quello che ho appreso in questa fase evolutiva...ho ancora tanta strada da fare in questo lungo percorso di crescita.







" E' di desideri FOLLI il mio sentimento.
I passi della mia vita sono piacevoli
solo quando sanno di PASSIONE rara..."

lunedì 30 marzo 2009

Ve lo consiglio... ;)

La verità è che non gli piaci abbastanza

Gigi è cresciuta con la convinzione che il maschio in amore agisca secondo delle logiche incomprensibili alle donne e di conseguenza tende a interpretare comportamenti, segnali e silenzi dei ragazzi che frequenta. A illuminarla sulla questione sarà il migliore amico di Conor, l'uomo che l'ha appena scaricata perché segretamente innamorato di un'altra.

lunedì 23 marzo 2009

L'amore è possesso?

Sono delusissima...oggi ho rinunciato all'ennesimo amico per un'incomprensione. Secondo voi è giusto rinunciare all'amicizia per l'amore? Vi chiedo questo in quanto un mio amico ha detto che avere un'amicizia maschile, nel momento in cui ci si fidanza, è sbagliato. Secondo lui, se io un giorno mi fidanzassi non dovrei avere amici uomini. Lì è nato il dibattito, lui ha espresso più volte l'intenzione di rinunciare a me perchè non poteva accettare questa ipotesi. Praticamente io dovrei rimanere single a vita...ahahah! Il punto dolente di tutta questa discussione è che lui non è riuscito a capire il mio attaccamento nei suoi confronti la mia voglia di continuare, a prescidere dal mio privato, il nostro rapporto di amicizia. Mi sono sentita come un oggetto di sua proprietà...ma è giusto avvalersi di un diritto del tutto infondato?
Io sono dell'idea che le persone nascono libere, e solo nella piena libertà riescono a crescere e ad evolvere. L'amore nasce soltanto dove la persona sente e percepisce di poter fare una scelta in piena libertà. Possiamo infatti costringere una persona a compiere atti contro la sua volontà, ma non possiamo costringerla ad amare.


giovedì 26 febbraio 2009

Amare con la testa o col cuore?

C'è chi dice che amare con la testa ti evita tante delusioni in quanto la testa bilancia accuratamente pregi e difetti di una storia, elimina i batticuori e razionalizza il sentimento. L'amare col cuore regala, invece, un concentrato di emozioni perchè si vive tutto più intensamente ma si rischia di consumare anche la storia più rapidamente. Cos'è giusto? Far leva sul nostro cervello e stravolgere il processo dell'innamoramento oppure farci travolgere vorticosamente dall'irrazionalità? Io sono per la via di mezzo...anche se non so se esista! A mio avviso ci vuole un giusto equilibrio tra questi due organi. Quando una persona giunge al nostro cuore, inizia un viaggio alla scoperta dell'altro accettandosi per quello che si è...bisogna venirsi incontro...ed è lì che subentra la testa!

Tu, tu mi hai amato con la testa.
Io, io ti ho amato con il cuore.
Forse il tuo amore è più giusto
forse il mio è più forte.
Io ho paura della tua memoria
perché fai troppi conti col passato
e castighi i miei errori
ignorando i tuoi e poi
tu hai sposato il tuo orgoglio
con la vanità.
La nostra è una battaglia molto dura perché noi
non ci concediamo mai un perdono,
io col sentimento ti spavento
tu con la logica mi sgomenti.
Se dici che siamo soli su questa terra
cerchiamo di evitare un addio:
andiamo avanti con questo amore
andiamo avanti
tu con la testa, io con il cuore.

Questo nostro amore è una cosa...
una delle tante della vita.
Noi stiamo rovinando tutto con le parole
queste maledette parole...


sabato 7 febbraio 2009

CADE LA PIOGGIA.



E' da alcuni giorni che piove e il mio umore muta come cambia il tempo. L'altra sera, tornando a casa dopo una giornata pesante passata in ufficio, ha iniziato a piovere ed io, sprovvista di ombrello, ho camminato sotto la pioggia provando la sensazione che quelle gocce lavassero, oltre i miei vestiti, anche i miei pensieri. A volte tendo a tenere tutto dentro senza riuscire ad esternare ciò che provo. Sono alla continua ricerca di stimoli ed emozioni e quando questi tardano ad arrivare divento apatica. Avverto che manca qualcosa...e non parlo dell'amore. A volte mi capita di pensare di aver sbagliato tutto nella vita e di dover ricominciare tutto d'accapo. Probabilmente l'essere ipercritica fa parte del mio carattere o, semplicemente, mi servirebbe avere accanto qualcuno che creda nelle mie qualità quando ho questi periodi di incertezza generale. Vivo un momento di confusione perchè l'unica risposta che riesco a darmi è una domanda: "come sarà il mio futuro"?

domenica 18 gennaio 2009

Conoscersi

"Senti sei molto carina e non sei fidanzata. Qual'è il tuo problema? Dov'è il difetto di fabbrica che purtroppo si scopre dopo un po'? Avanti spara!".

"Beh, "sei molto carina" è una frase che non si può sentire, comunque ti rispondo ugualmente".

"Non credo di avere un problema con gli uomini. Credo di averne molti..."
"In realtà uno grande ce l'ho. Ricevo sempre la risposta opposta a quella che cerco."

"Cioè?"

"Il mio problema è che quando un uomo mi piace, e mi piacerebbe vivere con lui qualcosa di più del vedersi ogni tanto per scopare, succede che,se per sbaglio glielo faccio capire, si agita subito, mette le mani avanti e inizia a spiegarmi che non vuole legami, e alla fine scappa. Senza nemmeno aver capito che io non volevo fidanzarmi. Per cui ho imparato a vivere quello che gli uomini mi danno senza chiedere niente di più. Solo che a volte è poco emozionante. Se invece sono io che me la voglio vivere senza pensare a niente, trovo solamente uomini che mi dicono di essersi innamorati di me già alla seconda uscita e mi sotterrano di messaggi sdolcinati, poesie patetiche, pensieri notturni, promesse senza incertezze".

"Ma tu allora cosa vorresti trovare in un uomo?"

"Ma che ne so...vorrei un uomo con cui stare bene. Un uomo seduto al mio fianco quando sono al cinema, o al ristorante, o sul pullman. Vorrei trovare una persona con la quale condividere delle prospettive. Non voglio dire per forza matrimonio, figli eccetera. Ma nemmeno uno di quegli uomini che si spaventano quando chiedi una cosa più lontana di due giorni. Mi sono rotta degli uomini bambini. Vorrei uno che mi piace e vorrei poterglielo dire senza che si spaventi, senza che mi faccia sentire che gli sto troppo addosso. Vorrei un uomo che con la mia stessa serenità mi cerchi quando non lo cerco io...e poi soprattutto vorrei un uomo che c'è ".

"Che vuoi dire?"

"Io so cosa intendo, anche se non riesco a spiegarlo. Un uomo che c'è. E' uno sguardo. Uno sguardo dietro tutto. E' un modo di guardarti in silenzio che significa tutto per me. Significa che c'è".


sabato 3 gennaio 2009

BUON 2009...AUGURI A TUTTI :)

Ed eccomi qui, sono tornata a casa dopo alcuni giorni trascorsi in Toscana da mia madre e dai miei amici. Livorno mi accoglie sempre col suo affetto materno ecco perchè sono stata bene. Ho riassaporato il gusto della mia vecchia me godendo della familiarità di quei luoghi, degli odori e dei colori che hanno segnato una parte importante della mia vita. Peccato che, come me, anche molti miei amici si stanno allontanando da questa città per motivi lavorativi, ma ritrovarsi lì fa sempre un certo effetto. Rammentiamo nostaglicamente i momenti passati insieme collezionando ogni volta qualche ricordo in più da condividere nell'incontro successivo. Però, sto iniziando a capire che anche Milano mi sta regalando qualcosa e che inizio a provare una sorta di legame. L'ho compreso proprio in questi giorni, quando aspettavo ore intere i miei amici che si liberavano dai loro impegni per poter uscire insieme. Sarà strano, ma mi sono sentita fuori posto in quanto lì non avevo una routine da rispettare e vivevo da semplice turista. Comunque il tempo è trascorso velocemente e sono stata bene...l'anno è iniziato nel migliore dei modi;)!

Da qualche parte ho sentito che non è importante sapere quanti respiri riusciamo a fare nel corso della nostra vita, ma importanti sono i momenti che ce lo tolgono il respiro... perciò auguro a tutti voi un nuovo anno pieno di momenti che vi tolgano il respiro.

Ecco i miei amici: